Sei in: Archivio Europa Marche Marche, Europa: le Officine Benelli di Pesaro arrivano a Bruxelles

Marche, Europa: le Officine Benelli di Pesaro arrivano a Bruxelles

Vivere Marche.it del 05 Giugno 2013

La riqualificazione urbana sostenibile dovrebbe incarnare un vero e proprio strumento per far rivivere la città e i suoi luoghi. Alla fine del 2011, la Regione Marche approvava una legge per la riqualificazione urbana sostenibile e l’assetto idrogeologico, un vero e proprio quadro normativo per il rilancio dell'edilizia e dunque del territorio.

Oggi vorrei parlarvi proprio di questo, della riqualificazione di aree dismesse come il caso de Le "Officine Benelli" un esempio di un progetto di restauro e di riutilizzo di un edificio di archeologia industriale riuscito. Un tempo le Officine erano la sede storica della Fabbrica Motociclistica Benelli di Via Mameli 39, accanto al Centro direzionale Benelli oggi invece si sono tramutate in un luogo di cultura e interesse. Le Officine Benelli rappresentano uno dei pochi esempi di archeologia industriale a Pesaro, essendo una sede storica dell'Azienda metalmeccanica che ha segnato la storia della città. E' per questo motivo che ho voluto invitare Giampaolo Marchinelli del Motoclub Benelli e Luca Acacia Scarpetti (Consiglio Regione Marche) al Parlamento europeo di Bruxelles, in occasione del Corso di Formazione "Amministratori a Bruxelles" (6-7 giugno) per conoscere i particolari del progetto e capire come una tale opera di riqualificazione sia stata importante per la valorizzazione del territorio pesarese e possa essere un esempio per altre realtà.

La vecchia fabbrica Benelli infatti é oggi sede dal Registro Storico Benelli e del Moto Club Pesaro "T.Benelli" che ospita in esposizione permanente oltre 130 motociclette Benelli e MotoBi. Come parte integrante del progetto, i locali delle Officine sono occupati dal Museo Benelli e della Moto Marchigiana, per il quale viene adottata la denominazione Mototeca Storica Marchigiana. Si tratta di un progetto ambizioso che ha l'intento di riconvertire un'unica area in un:
1.Museo Espositivo delle Moto Benelli - MotoBi e delle Moto Marchigiane, aperto al pubblico, con attività di mostra permanente e/o temporanea;
2.Centro Culturale di raccolta e diffusione di cultura motociclistica;
3.Sala Conferenze a disposizione del Museo, dell'Amministrazione Comunale e/o di chiunque voglia usufruirne;
4.Scuola di Restauro di Motociclette d'Epoca;
5.Punto di Ritrovo con annessa attività di ristorazione, aperto anche ai non visitatori;
6.Sede del Registro Storico Benelli e del Moto Club Pesaro "T.Benelli".

Spero che questa occasione al Parlamento europeo possa essere davvero uno stimolo per molti amministratori per far rivivere poli abbandonati delle città italiane; industria e progetti culturali non sono un ossimoro, ma un proficuo binomio per rivitalizzare l'ambiente, riappropriarci del nostro territorio e porre in primo piano la cultura e la società civile.

Leggi l'articolo su Vivere Marche.it