Sei in: Archivio Europa Marche Marche, Europa. Filippine, urgente avviare una cooperazione nella Regione

Marche, Europa. Filippine, urgente avviare una cooperazione nella Regione

Vivere Marche.it del 13 Novembre 2013

Sono partito per le Filippine venerdì pomeriggio per una missione con il Parlamento europeo e sono rientrato in Italia l'altro ieri, con due giorni in anticipo. La maggior parte delle notizie sul disastro le ho avute dall'Italia, lì invece nessuno diceva quali potevano essere i rischi.

Le proporzioni della catastrofe sono enormi e ancora non calcolabili e ognuno valuterà come contribuire agli aiuti ma colpisce come - in un Paese frequentemente colpito da alluvioni, terremoti, eruzioni vulcaniche e ogni tipo di disastri naturali, che costano l'1% del Pil nazionale - la macchina dei soccorsi sia ancora così farraginosa, lenta e inefficace.

Tornando dalla capitale filippina ho avuto una sensazione di angoscia nel capire che mentre a Manila l'atmosfera pareva rilassata, gli stessi media nazionali scarseggiano d'informazioni dal terreno, mentre emerge una preparazione inadeguata nella prevenzione e nella risposta alle catastrofi naturali.

Altri paesi, come Bangladesh o Corea, hanno in questi anni migliorato significativamente le loro politiche attraverso un approccio integrato di scienziati, società civile, scuola, forze armate, fondi internazionali.
Urge che anche le Filippine si dotino quanto prima di strumenti adeguati, anche per evitare che a livello locale si ripetano episodi di corruzione legati alla distribuzione degli aiuti.

L'Unione europea può aiutare con i propri fondi per la lotta ai cambiamenti climatici, e i paesi ASEAN hanno bisogno di lavorare insieme su buone pratiche e attività congiunte di protezione civile.

Che queste catastrofi siano sempre un monito per tutti noi.

Leggi l'articolo su Vivere Marche.it