Sei in: Archivio Italia Positiva Il Taxi della felicità

Il Taxi della felicità

Sono vicino a un taxi, il più bel taxi del mondo, quello più buono di tutti: "Milano 25". Un vero cab alla londinese, dall'aspetto dentro e fuori di paese dei balocchi, è guidato da una autentica fata, "Zia Caterina", che guida per le strade di Firenze, con regolare licenza ma con una vocazione: accompagnare i bambini bisognosi di cure speciali a causa delle malattie fare che li hanno colpiti. 

 

Una vita dedicata ai bambini, ai malati, a chi … salendo nel suo taxi, decide di guardarsi dentro.

Il taxi è quello di Caterina Bellandi di Firenze, che da quando ha perso il proprio compagno per una grave malattia ha deciso di rilevare la licenza del taxi del marito e regalare momenti di serenità agli altri. 
Accogliendo anziani ma soprattutto bambini che siano in cura chemioterapica o abbiano subito una dolorosa operazione o l'ennesimo esame invasivo, entrare in questo paradiso ambulante è una festa.

In occasione della manifestazione per le cure staminali, sono andato a trovare l'infaticabile Zia Caterina e chiunque va in visita a Firenze può andare in taxi per accompagnarla per una o due ore di volontariato. Oggi il suo precedente taxi "Milano 25" è diventato un monumento all'interno del giardino dell' Orticoltura di via Puccinotti, un vero oggetto d'arte esposto, il suo decoratissimo taxi.

Ma la voglia di regalare momenti magici non è andata in pensione, infatti, "Milano 25" è stato sostituito da Luca’s Cab un taxi modello londinese, appositamente attrezzato e disegnato (600 ore di lavoro per l’allestimento), con all’interno un computer sempre on line, due schermi per vedere film e perfino una macchina che sforna pop-corn. Per chi fosse Milano il 29 Ottobre 2013 mi raccomando di non perdersi la vendita di opere d'arte donate dalla Ermanno Tedeschi Gallery a favore della Onlus Milano25.org dalle ore 18.00 alle ore 20.30 presso la sede di Milano della galleria, in Via Voghera 14. Il 50% del ricavato di ogni opera andrà a sostegno del lavoro di Zia Caterina.
Per scoprire tutta la storia, visitate www.milano25onlus.org.