Sei in: Cultura & Educazione Salviamo la Sinfonica di Via della Conciliazione!

Salviamo la Sinfonica di Via della Conciliazione!

La nostra è riconosciuta in tutto il mondo per essere la patria dell'arte, nelle sue forme più disparate. Dalla scultura alla musica gli italiani hanno prodotto opere bellissime. Eppure pare che non riusciamo ad essere i custodi di cotanta bellezza. Dopo Cinecittà un’altra parte della nostra storia e della nostra cultura rischia di sparire: Roma potrebbe privarsi dell’auditorium di Via della conciliazione, che ha ospitato i migliori musicisti e direttori d’orchestra mondiali degli ultimi 50 anni, insieme alla straordinaria orchestra sinfonica. Si rischia infatti la chiusura, lasciando la capitale mondiale del bel canto senza un'orchestra con conseguente perdita di reputazione. L’allarme di oltre settanta musicisti e tecnici: “Con la chiusura della Sinfonica di Roma si perderebbero orchestrali e tecnici la cui formazione è costata anni di sacrifici e la cui professionalità ha significato il prestigio della nostra tradizione". Un paese che rinuncia alla propria cultura è un paese finito. Intervenga subito il Governo con iniziative concrete, e non le solite parole, per trovare un accordo con la Fondazione Roma e che si  provveda direttamente al salvataggio del patrimonio di noi tutti: si accolga l'appello della Fabbrica dei Suoni e si ponga fine a questo scempio della cultura del nostro Bel Paese (ancora per quanto se si continua così?). Ogni vera grande capitale europea ha più di un'orchestra sinfonica. Chiuderne una è un'eresia.