Sei in: Federalismo Approvato il nuovo Quadro Finanziario 2014 - 2020

Approvato il nuovo Quadro Finanziario 2014 - 2020

Giovedì 20 novembre, il Parlamento ha approvato il nuovo Quadro Finanziario Pluriennale dell'Unione 2014 - 2020. L'unione Europea potrà cosi investire fino a 960 miliardi di euro in stanziamenti d'impegno e 908,4 miliardi di euro in pagamenti.

Rispetto al bilancio del  Programma Quadro precedente vi è stato un taglio del 3,7% e del 3,5%, una decisione aspramente criticata in tempi di economie in crisi e bassa crescita, ma che dovrebbe venire controbilanciata da misure atte a garantire un migliore utilizzo delle risorse a disposizione.

Il sì da parte del Parlamento Europeo è arrivato nel corso della sessione plenaria di Strasburgo, con l'adozione a larga maggioranza da parte degli eurodeputati (537 voti a favore, 126 contrari e 19 astenuti).

Una novità che seguirà tutti i programmi comunitari, e che questi saranno concordati con una procedura di co-decisione tra il Parlamento ed il  Consiglio; quest'accordo ha permesso già il via libera a tre programmi pluriennali: Erasmus PlusEuropa CreativaCollegare Europa.

I punti salienti del nuovo bilancio saranno:

· il Fondo sociale europeo (FSE) e il Fondo europeo di sviluppo regionale;

· il nuovo programma Erasmus+;

· il nuovo programma dell'UE Europa creativa;

· Horizon 2020, il nuovo programma per la ricerca e l'innovazione;

· Il nuovo programma COSME;

· Il nuovo meccanismo per collegare l’Europa (CEF);

· Gli strumenti finanziari quali prestiti, garanzie, partecipazioni e altri strumenti di condivisione dei rischi;

· Il rilievo dato alle politiche e ai progetti sul clima (almeno il 20% dell’intero)

Le modifiche apportate al programma mirano a incrementare il supporto alle piccole imprese, infatti, il Parlamento intende destinare 11% del programma di ricerca Horizon 2020 alle piccole e medie imprese. Inoltre sarà messo a disposizione un reparto specializzato per le PMI con un proprio bilancio, per garantire che le offerte di finanziamento siano adatte alle esigenze delle aziende.

Nelle prossime settimane la proposta del QFP entrerà nella fase decisionale con l' approvazione del Consiglio, e successivamente dovrà essere ufficialmente adottato anche dagli Stati membri dell'EU ed avrà inizio il 1 gennaio 2014.