Sei in: Iniziative Europee Interrogazioni presentate Arsenico nelle acque delle province di Roma, Latina e Viterbo

Arsenico nelle acque delle province di Roma, Latina e Viterbo

Il D. Legisl. 31 del 2001 ha recepito la direttiva della Comunità Europea relativa alla qualità dell’acqua destinata al consumo umano del 1998 ed ha disposto l’obbligo di conformità ai valori di parametro riportati nel Decreto a partire dal 25 dicembre 2003. Per l'arsenico il V.M.A é di10 ?g/l. La Decisione " (C82011) 2014 " del 22/03/2011 della Commissione Europea ha accolto la richiesta di deroga formulata dall'Italia per il parametro arsenico per valori di 20 ?g/l per il triennio 2010-2012.

In seguito alla scadenza di questa deroga (31/12/2012), il Commissario europeo all'Ambiente, Janez Potocnick ha reso noto nella sua dichiarazione dell'8/1/2013, che le autorità italiane sono tenute a presentare una relazione entro la fine di febbraio 2013 per illustrare i progressi nei loro interventi di bonifica e il presente livello di conformità. La Regione Lazio (Direzione Regionale Ambiente) ha realizzato una "Relazione relativa all'attività svolta per il rientro dei parametri arsenico e fluoro" sulle misure correttive adottate e sui progressi raggiunti nelle province di Roma, Latina, Viterbo. Si apprende in ultimo che é in atto una Partnership Implementation Agreements (PIA).

 

Alla Commissione si chiede 1) In virtù dell'utilizzazione dello strumento PIA, quali sono le valutazioni della Commissione sulle misure correttive adottate,? 2) Sono state notate delle irregolarità nell'implementazione del patto? 3 ) Quando uno Stato membro e la Commissione stabiliscono il patto PIA, le autorità regionali o sub-nazionali possono essere coinvolte attraverso l'utilizzo di un "dossier team" per garantire che i livelli locali siano pienamente operativi nell'implementazione dei compiti a loro affidati . E' stato creato un dossier team nella regione Lazio? 4) E' stato creato lo strumento tripartito (tripartite instrument), altro elemento previsto dalla PIA (che coinvolgerebbe la Commissione, lo Stato membro e l'autorità subnazionale)? 5) Le modalità d'informazione della popolazione sono state efficaci?

Vedi il PDF