Sei in: Iniziative Europee Interrogazioni presentate AGCOM - violazioni del diritto d’autore realizzate nella rete internet

AGCOM - violazioni del diritto d’autore realizzate nella rete internet

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (di seguito “AGCOM”) ha posto in pubblica consultazione il 25 luglio 2013 lo Schema di regolamento in materia di tutela del diritto d’autore sulle reti di comunicazione elettronica e procedure attuative ai sensi del decreto legislativo 9 aprile 2003, n. 70, nel cui allegato B, sono esplicitate le competenze che l’Autorità Italiana intende autoattribuirsi nel perseguimento delle violazioni del diritto d’autore realizzate nella rete internet. 

La Delibera consentirà infatti all’AGCOM di impedire – in maniera automatica e prescindendo dall’accertamento di qualsiasi requisito di colpevolezza, attraverso la forzosa collaborazione degli Internet Service Providers -  l’accesso a siti internet, blog, testate online ed altre fonti di informazione posti anche fuori dall’Ordinamento italiano, e/o di eliminare i contenuti pubblicati sulla rete Internet se sospettati di violazione del diritto d’autore.

Questo provvedimento rappresenta una seria minaccia per la tutela delle libertà di espressione e di informazione, garantite dall’articolo 11 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea.

Sulla base di quanto sopra esposto, si chiede alla Commissione Europea, alla quale il regolamento AGCOM in esame è stato notificato dalle Autorità italiane in data 2 settembre 2013 (Numero della notifica :  2013/496/I):

- se e come intende reagire e quali osservazioni intende esplicitare ai sensi dell’articolo 8, paragrafo 2, della Direttiva 98/34/CE;

- e, in particolare, se la CE, quale garante della Carta dei diritti fondamentali, non intenda intervenire nei confronti delle Autorità italiane per impedire il dispiegarsi degli effetti di questo pernicioso provvedimento amministrativo che potrebbero mettere a rischio in seno all’Unione Europea l’adeguato rispetto della libertà di espressione, così come garantita dagli strumenti internazionali concernenti i diritti umani, e in particolare dagli articoli 6 e 7 del trattato sull'Unione europea e dalla Carta dei diritti fondamentali.