Sei in: Iniziative Europee Interrogazioni presentate Direttiva europea sulla vivisezione

Direttiva europea sulla vivisezione

Premesso che il 22 settembre 2010 il Parlamento europeo ha approvato la Direttiva 2010/63/UE sulla protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali, disciplinando la vivisezione a livello europeo.

Considerata la prima Direttiva 76/768 CEE approvata dalla Comunità europea nel 1976;

Considerato il 7° emendamento del 2003 della Direttiva 76/768 CEE, che prevede che dal 2013 siano banditi in Europa tutti i test sugli animali per i prodotti cosmetici;

Considerato che, con la suddetta direttiva, sono stati approvati i seguenti tre elementi:

Il divieto assoluto di test su animali (per gli ingredienti) entro il 2009, in tutti i Paesi membri dell'Unione Europea; divieto di vendita di cosmetici che usano ingredienti testati su animali per la maggior parte dei test entro l'anno 2009; divieto di vendita per tutti i cosmetici testati su animali compresi i tre settori rimasti esclusi dal punto precedente entro il 2013, ma con possibilità di slittamento se non fossero stati sviluppati test.

Considerato che in vista della scadenza del 2013 la Commissione Europea ha recentemente chiesto un parere ad alcuni esperti del settore che orienteranno il Parlamento Europeo e il Consiglio dei Ministri sulla posizione da prendere.

Si chiede alla Commissione:

  1. Con quali criteri sono stati scelti gli esperti?
  2. E' dimostrato che gli stessi esperti non hanno conflitti d'interessi?
  3. In base a quali criteri scientifici si ritengono gli esperimenti sugli animali validi?