Sei in: Per i meno tutelati Il manifesto dell’EDF ai politici europei

Il manifesto dell’EDF ai politici europei

Tutti i cittadini dell’UE saranno chiamati a partecipare alle Elezioni europee che si terranno il prossimo maggio. Per questo l’11 febbraio, il Forum Europeo della Disabilità (EDF) presenterà il Manifesto in vista delle elezioni eu del 2014.

L’EDF è una piattaforma unica e indipendente in Europa, con un ruolo attivo verso le istituzioni dell’Unione Europea e i suoi responsabili politici, che cerca di proteggere e difendere i diritti delle persone con disabilità.

La sua aspirazione, perseguita attraverso attività quotidiane, è quella di influenzare la legislazione dell’Unione Europea, in quanto ogni decisione e iniziativa di quest’ultima hanno un impatto diretto su tutti gli ambiti della vita quotidiana dei cittadini europei con disabilità.

I disabili e le loro famiglie possono fare la differenza! L’adesione al manifesto è un’opportunità unica per i futuri membri del nuovo Parlamento per prendere impegni solidi e per andare verso cambiamenti concreti.

L’obiettivo del Manifesto è di fare della discriminazione sulla base della disabilità un ricordo del passato, affinché la mancanza di pari opportunità e di inclusione sociale e il non rispetto dei diritti umani non caratterizzino più il futuro della nostra società.

Il manifesto proposto evidenzia le linee guida e le richieste rivolte ai candidati: prima tra tutte, il Forum europeo dei disabili chiede ai candidati di impegnarsi affinché 80 milioni di cittadini europei con disabilità possano godere dei propri diritti civili, politici, sociali, economici e culturali e facciano in modo che la disabilità diventi una delle loro priorità per la prossima campagna elettorale.

Le priorità:

1) La promozione di una visione inclusiva, sostenibile e democratica dell’Europa.

2) Diffondere i diritti dei disabili nella futura revisione della Strategia Europea 2020 e nella supervisione delle politiche sociali e economiche degli Stati Membri per garantire la protezione e il godimento dei diritti umani delle persone con disabilità.

3) Rendere beni e servizi accessibili per tutti:

a) Adozione dell’European Accessibility Act
b) Adozione della direttiva eu proposta sull’accessibilità dei siti web pubblici
c) Accessibilità dei trasporti e delle infrastrutture
d) Rimozione degli ostacoli per la libera circolazione dei disabili e delle loro famiglie con la creazione di una carta europea per la mobilità dei disabili
4) Adozione della proposta di direttiva generale di non discriminazione.
5) La ratifica dell’EU e di tutti gli Stati Membri al Protocollo opzionale della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.
6) L’istituzione di meccanismi tra le Istituzioni europee per diffondere la Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità assicurando il coinvolgimento dei disabili.