Sei in: Per i meno tutelati "EU ZOO INQUIRY 2011 -Maltrattati gli animali negli zoo"

"EU ZOO INQUIRY 2011 -Maltrattati gli animali negli zoo"

Mercoledì 2 Febbraio ho partecipato al dibattito "How the European Zoos are treating their animals", promosso al Parlamento Europeo di Bruxelles dal gruppo dei Liberali Democratici e da Born Free Foundation. Da settembre 2010, quando al Parlamento Europeo è stata approvata la direttiva sulla sperimentazione animale, sto portando avanti insieme con altri, la battaglia contro la vivisezione e soprattutto per i diritti degli animali.

Il rapporto EU Zoo Inquiry 2011 (www.euzooinquiry.eu) realizzato da Born Free Foundation su venti Stati membri dell'Unione Europea ha messo in luce come gli animali detenuti vivono in condizioni di grave disagio e comunque inadatte al loro benessere.

 

Vi é infatti in molti Paesi membri un fallimento sistematico nell'applicazione della direttiva 1999/22/CE relativa alla custodia degli animali selvatici nei giardini zoologici. La direttiva impone a tutti i giardini zoologici in Europa di contribuire alla conservazione della biodiversità, di promuovere l'istruzione e la sensibilità del pubblico fornendo informazioni sulle specie esposte e sui loro habitat naturali, e stabilisce dei requisiti minimi tra cui il possesso delle licenze e la possibilità di essere sottoposti a ispezione.

Purtroppo l'inchiesta - che é stata centrata su quattro assi generali: le informazioni generali sugli zoo (lo stato delle licenze, la proprietà e le misure di sicurezza pubblica), la conservazione impegno (ex situ programmi coordinati di riproduzione in cattività e la conservazione della biodiversità), la pubblica istruzione (segnaletica, integrazione pubblico e il valore educativo), la valutazione della custodia degli animali di qualità (l'idoneità delle specie contenute) e il benessere degli animali di valutazione (la condizione e il comportamento degli animali) - evidenzia come nei primi report diffusi su Bulgaria, Irlanda, Francia, Cipro, Grecia e Romania la direttiva non solo non venga applicata nei suoi requisiti minimi ma che vi sono centinaia di strutture non autorizzate e non regolamentate.

Una cosa é certa: la vita degli animali negli zoo deve essere migliore rispetto alla condizione in cui vivono oggi. Se gli zoo sono importanti per la conservazione della biodiversità, per l'istruzione, per impedire l'estinzione della specie purtroppo non sono tutti perfetti. Non é una questione di mancanza di soldi ma di cultura.

Nelle prossime settimane qui a Bruxelles ci impegneremo per aumentare l'interesse su questa tematica sia all'interno del Parlamento che alla Commissione Europea, per stabilire una comune visione sul benessere degli animali, per individuare una formazione per i veterinari sugli animali in cattività e per stabilire una guida di best practices per il mantenimento degli animali selvaggi negli zoo.